When autocomplete results are available use up and down arrows to review and enter to select. Touch device users, explore by touch or with swipe gestures.
In collaborazione con Vanity Fair

I 12 trend della moda Autunno/Inverno 2021-22

La prossima stagione è ormai dietro l'angolo, e come sempre porta con sé un nuovo inizio: ma quali sono le tendenze fashion che ci accompagneranno con entusiasmo - e in grande stile - nella ripartenza?

Come in Bridgerton

Ma che cos’è questa voglia improvvisa di ricami, di tulle, di fiocchi e di altri orpelli grondanti romanticismo d’altre epoche? Forse la dimostrazione del fatto che la serie cult Bridgerton abbia davvero fatto presa nei cuori. E che in molte non vedano l’ora di vestirsi giuste giuste per finire tra le braccia del Duca di Hastings. Perché se l’abito fa il monaco, figuriamoci se non fa la duchessa!

Operazione sottoveste

Fuori dal letto, via in ufficio. O quasi. Fatto sta che gli abiti effetto sottoveste si aggiudicano il titolo di must have del prossimo autunno. Così, semplici, oppure sovrapposti ad outfit più caldi e morbidi. O anche solo regalando qua e là piccole suggestioni o sottili allusioni: la lucentezza della seta, uno scollo, i dettagli di pizzo a fare da richiamo inconfondibile.

In assetto militare

La grinta non manca, sulle passerelle per il prossimo Autunno-inverno. Revival di stagione, quello del mood army, fatto di cappotti verde militare, di anfibi, di volumi decisi, di revers importanti, di dettagli grintosi. Che non vanno però a discapito della femminilità. È un militare minimal, quello che ci piace di più. Niente mostrine o camouflage. Solo allusioni, sensazioni, atmosfere.

Abbinamenti improbabili

Lo chiamavamo color block. E, se ci va, possiamo continuare a chiamarlo così. Il trend non è nuovo, insomma, ma torna con prepotenza. Gli abbinamenti di colori audaci, inattesi, persino improbabili sono all’ordine del giorno sulle passerelle del prossimo Autunno. È tutta una questione di nuance, di sfumature, di gradazioni. A imbroccare quelle giuste – o quelle che ci sembrano più sbagliate, e invece… – si accende la magia.

Maglifica

Che cosa c’è di più morbido, confortevole e rassicurante di un maglione di lana, magari sferruzzato a mano? Ecco, moltiplicate questa sensazione per dieci, ad avrete uno dei look più cool tra quelli avvistati sulle passerelle del prossimo autunno-inverno. Perché vestiremo di maglia da capo a piedi: pantaloni, gonne, cardigan XL, reggiseni… Knitwear no limits.

Al logo, al logo!

Vanno, vengono, a volte ritornano. Sono i loghi, che la prossima stagione più che mai la faranno da padrone su abiti status symbol. Loghi e monogrammi: più vistosi i primi, (relativamente) più discreti i secondi, quando riescono a trasformarsi in motivi geometrici. Resta il fatto che spicca, con evidenza, la voglia di farsi riconoscere. E forse anche un po’ invidiare.

Piumini (o piumoni?)

Alla fine l’hanno avuta vinta loro: ci abbiamo provato a convincerci che i cappotti sono molto più eleganti. E forse ce ne siamo anche convinti. Ma di fronte alla calda praticità dei piumini imbottiti, qualsiasi tentativo di persuasione è destinato a fallire. E non è nemmeno detto che non possano essere überchic. Basta sceglierli con proporzioni sorprendenti, in colori sofisticati o abbinandoli al più ladylike degli outfit. Oppure arrendersi, e andare direttamente a ciaspolare.

Space silver

Che si voglia brillare – in un modo o nell’altro – non è certo una novità. Ma è appunto il modo che cambia, di stagione in stagione. Per il prossimo Autunno/inverno i riverberi di luce in passerella hanno la fredda precisione dell’argento. Bagliori metallici come quelli delle divise spaziali, o persino delle navicelle. Per volare in galassie – di stile – tutte da scoprire.

Tutta d'un colore

Vi abbiamo appena detto che il prossimo autunno andrà di nuovo di moda il color block? Vero. Vi diciamo ora che va di moda anche il monocromo? Vero. Perché una cosa non esclude l’altra. Come Guelfi e Ghibellini, il popolo della moda si divide in due fazioni. E quella che vuole il look radicalmente di un solo colore, da capo a piedi, non è certo meno agguerrito. Anzi.